Usanze e tradizioni all’estero: alcuni consigli utili per evitare figuracce


0
3 shares

Inutile negarlo, prima o poi capita a tutti di trascorrere alcuni giorni all’estero e dover fare i conti con costumi e tradizioni diverse. Se tutto questo non bastasse, può capitare di compiere dei gesti ritenuti “gentili”, per poi incorrere in delle vere e proprie figuracce. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo assieme ad alcune usanze all’estero da evitare. A partire dai comportamenti da tenere a tavola, passando per gesti e comportamenti da seguire, sono tanti gli aspetti a cui prestare attenzione.

 

Dall’invito a cena al raffreddore, attenti a queste usanze

 

Partiamo da un possibile invito a cena in un Paese islamico. Innanzitutto dovete sapere che non dovete portare nulla da mangiare in quanto il padrone di casa potrebbe offendersi. Potrebbe infatti finire per interpretare il vostro gesto come l’aver paura di non trovare nulla di gradito. Se poi decidete di optare per dei fiori, il nostro consiglio è quello di evitare, soprattutto se il destinatario è una donna. Dovete sapere che il tulipano è considerato il fiore dei morti, mentre il giallo è il colore dell’odio.

 

Sempre a proposito di inviti a cena, generalmente si ha paura di offendere il padrone di casa nel caso in cui non si finisca di mangiare tutta la cena. Ebbene, dovete sapere che in India se si continua a mangiare in continuazione si dà l’impressione di avere ancora fame, quindi meglio lasciare sempre un po’ di cibo nel piatto.

 

Se poi dovesse capitarvi di andare in Giappone per una cerimonia o per un incontro di lavoro e avete il raffreddore, allora meglio restare a casa. Se andare all’appuntamento nonostante non siate in forma potrebbe essere in genere considerato sinonimo di senso di responsabilità, non è così nel Paese del Sol Levante. Basta un solo starnuto, infatti, per vedere tutti tenersi alla larga, facendovi capire che sarebbe stato meglio non presentarsi.

 

Italiani all’estero: attenzione ai gesti

 

Da non dimenticare poi la tradizione araba che associa ai piedi, e quindi anche le scarpe, l’idea di disprezzo. Proprio per questo motivo  rivolgere la pianta dei piedi o la suola delle scarpe verso qualcuno viene considerato offensivo. Meglio evitare!

 

Gli italiani, lo sappiamo bene, siamo famosi per essere un popolo che gesticola. Tuttavia, quando andiamo all’estero è bene prestare attenzione a come muoviamo le mani. In molti Paesi, come Singapore, ad esempio è considerato osceno indicare ad un interlocutore una persona con l’indice. In alternativa meglio usare il pollice destro.

 

Sempre in tema di gesti, se volete esprimere la vostra felicità per il buon esito di una trattativa o di un esame e vi trovate in Grecia, non fate la V con le dita. In questo caso, infatti, anziché vittoria significa “andate al diavolo”. Allo stesso modo, il segno di Ok con pollice e indice uniti in Brasile è considerato un insulto che può essere tradotto con il nostro dito medio.

 

Per finire se decidete di fare acquisti in alcuni mercati africani, vi ricordiamo di non accettare subito il prezzo che i venditori vi propongono senza chiedere uno sconto. In questo caso, infatti, vi considereranno degli ingenui.


Like it? Share with your friends!

0
3 shares

What's Your Reaction?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
win win
0
win
Incredibile

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Choose A Format
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
Story
Formatted Text with Embeds and Visuals
List
The Classic Internet Listicles
Countdown
The Classic Internet Countdowns
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Upload your own images to make custom memes
Video
Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Audio
Soundcloud or Mixcloud Embeds
Image
Photo or GIF
Gif
GIF format